La Città di Terracina è situata nell’agro pontino, in prossimità della foce del fiume Amaseno, sulla costa tirrenica del golfo di Gaeta, a 100 km. da Roma e 120 km. da Napoli.

Essa si sviluppa da una propaggine del Monte Sant’Angelo (Monti Ausoni), dove giace il centro storico, fino al lungomare Circe. E’ una rinomata meta turistica che sa offrire ai suoi ospiti, oltre all’immenso patrimonio artistico e culturale, meravigliosi paesaggi naturalistici ed una cucina particolare.

Il mistero e il fascino della storia di Terracina si celano già nel nome originario: Anxur, nome volsco come si evince da antichi scrittori (PLINIO, III, 3, 9, 5-6: oppidum lingua Volscorum Anxur dictum) e il nome di Giove fanciullo (Iupiter Anxur o Anxurus), la divinità protettrice della città, venerata sulla vetta del monte che domina l’abitato, l’antico Mons Neptunius, oggi Monte S. Angelo.

Terracina nella sua lunga storia ha accumulato e conservato pregevoli opere d’arte di diverse epoche, tanto da essere considerato un vero e proprio “Museo a cielo aperto”.

I ritrovamenti più antichi nel territorio si riferiscono a materiali preistorici rinvenuti nella Caverna della Catena al Pisco Montano; di certo la cittadina fu possedimento etrusco, roccaforte dei volsci e poi centro di villeggiatura romana, di cui sono testimonianza i resti del tempio di Giove Anxur, le sottostanti mura dell’acropoli, parti del Capitolium, la pavimentazione augustea della piazza del Municipio e i resti del teatro e del porto.

Nel Medioevo vennero eretti il Duomo, che conserva evidenti tracce del tempio pagano su cui fu innalzato, palazzo Venditti e la Torre Frumentaria, che ospita oggi il Museo archeologico.

Notevole è il patrimonio sacro della città, costituito da numerose chiese che testimoniano la profonda religiosità del luogo, come la maestosa Cattedrale di San Cesareo, la Chiesa di San Giovanni o la Chiesa del purgatorio nel centro abitato, la Chiesa della Madonna delle Grazie, la Chiesa dell’Annunziata, la Chiesa di San Domenico e la Chiesa di San Francesco fuori le mura del centro.

Città di mare, dal punto di vista gastronomico Terracina offre naturalmente tutte quelle opportunità che gli amanti della cucina del pesce si aspettano di trovare e rinomati sono anche i suoi vini: il Moscato di Terracina, vino ad Indicazione Geografica Tipica (Igp), il Casanese e l’Aleatico.

Arte, storia, enogastronomia, ma anche paesaggi meravigliosi, roccia, mare e verde incontaminato fanno di Terracina un luogo adatto anche agli amanti dello sport.

E’ possibile praticare escursioni immersi nella natura, grazie ai sentieri ben tracciati presenti nei principali punti naturalistici, concedersi passeggiate in bicicletta grazie alle piste ciclabili e, per i più audaci, possibilità di immersioni subaquee, vela e arrampicate sul Monte Leano.

Per chi non vuole rinunciare alle partite con gli amici ci sono poi le strutture attrezzate, tra cui il Terracina Tennis Club, un impianto sportivo situato a pochi passi dal centro della città con campi da tennis realizzati con superficie “Red-brick”, una speciale moquette con granulato in terra rossa, che offre massimo comfort.